«

Nov 18 2018

Il settario e il testimone fedele

Cosa differenzia Il fanatico settario dal testimone evangelico fedele?

IL FANATICO SETTARIO

1 – Ha convinzioni assolute e definitive. Ciò che ritiene verità rimane tale senza possibilità di mutamenti.

Sospetta facilmente la cattiva fede, la paura, la debolezza, i complotti…

2 – Si sente responsabile dei comportamenti altrui

3 – Difende le sue convinzioni affermando che “La Bibbia dice quello che lui crede” quasi che chi gli sta di fronte abbia una Bibbia diversa.

4 – Non tiene conto di due millenni di storia e degli orrori perpetrati in nome della Bibbia anche da parte di persone che credevano ciecamente nella sua autorità

5 – E’ guidato normalmente da visioni mitiche quali l’unità del cristianesimo primitivo, la verità immutabile…

6 – Confonde l’affidabilità biblica e la sua fedeltà con la sua perfezione in ogni campo che essa sfiora.

7 Ha la sindrome del figlio unico…Giudica il suo percorso e quella della sua comunità di fede come l’unico possibile…Fa delle sue osservanze non un privilegio ma uno strumento di condanna…

8 – Stabilisce un’equivalenza assoluta tra schema dottrinale, esistenza , salvezza e purezza della fede.

9 – Non è interessato alle dimensioni etiche, sociali e politiche della fede

IL TESTIMONE FEDELE

1 – Ha convinzioni relative per principio. Sa che ogni comprensione umana non è mai perfetta.

2 – Non mette mai in dubbio la buona fede altrui, tranne che quando ha prove assolute che la dimostrano.

3 – Crede nella responsabilità personale

4 – Testimonia ciò che crede citando le sue convinzioni bibliche mai identificandosi con la Bibbia

5 – Tiene conto della storia e teme di ripeterne gli assoluti devastanti

6 – Ha il realismo della fragilità umana, individuale e collettiva…Non ha bisogno di una comunità perfetta per amarla e perseguirne la fedeltà…

7 Crede nell’affidabilità biblica e la distingue dalla perfezione di Dio che nella Bibbia è Parola incarnata nella storia.

8 – Considera le verità perseguite sempre perfettibili, doni di Dio e responsabilità, ma mai criteri di giudizio dei percorsi altrui…

9 – Sa che non esistono equivalenze assolute, ma spesso contraddizioni sia nel bene che nel male. Sa che Gesù scopre la grande fede nel centurione romano, nel samaritano…

10 – E’ consapevole che la fede senza etica e priva di sensibilità umana verso il singolo e la collettività è solo un inutile ginnastica mentale.

Il settario e il testimone fedele

Scrivi un tuo commento usando Facebook

commenti

Permalink link a questo articolo: https://www.rolandorizzo.it/il-settario-e-il-testimone-fedele/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *